Vissi d’arte…

"La vita imita l'arte più di quanto l'arte non imiti la vita" Oscar Wilde
Condividi, dai ! Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on TumblrEmail this to someone
vivo immerso nella quotidianità attraverso le tendenze.
È il mio percorso di “Arte applicata” sulla carta.
Disegni e tendenze… fanzine / produzioni indipendenti.
Questa pagina, nasce dalla contrazione delle parole fan (da fanatic, appassionato) e magazine (rivista), di un particolare argomento, genere o fenomeno culturale

X-Files – 2008 Velan. Centro per l’arte contemporanea. Torino

Videoinstallazione collage, (Alien)ati tra le mura domestiche…
I COLORANTI DI MERENDINE E BIBITE RENDONO I BAMBINI IPERREATTIVI

Con questi X-FILES non voglio solamente parlare degli UFO… quasi mai si vedranno, mai saranno rappresentati direttamente con immagini, e se ci saranno non sarà il tipico volto Alieno a rappresentarli, ma l’uomo nelle sue diverse azioni e situazioni quotidiane – voglio che l’Alieno sia una metafora, e ciò che si vedrà sarà più che altro una maschera.
Con questi X-FILES, attraverso metafore e maschere, voglio raccontare ancora una volta il Genere Umano e le sue problematiche, non più attraverso disagi socio-politici e follie domestiche; con gli  X-files voglio che sia rappresentato un disagio interiore dell’uomo attraverso gli oggetti e il consumo di oggetti alienanti nel domestico. Un degrado consumistico, intimo.

… Quando progettare si fa ancora con la matita e la forchetta

Disegni, Tendenze/Food/Editoria

Editor/Curator,
presso webmagzine di arte contemporanea e tendenze…
Social Blogging network.
http://www.lobodilattice.com
http://www.ignorarte.com/
http://smallzine.it/

Storyteller/Ricercatore artistico e gastronomico,
presso Residency creative agency Food/Art.
House VILLA TEREZE, Montaiate Pergola (PU) Marche.

Corpo Elettronico, (videoarte italiana tra materia, segno e sogno).
Catanzaro (Fondazione Rocco Guglielmo). Concludo nel Complesso Monumentale del San Giovanni (Catanzaro), un percorso artistico iniziato nel 2000 presso la Galleria d’Arte Contemporanea “PLACENTIA ARTE” di Lino Baldini (Piacenza).

– Studio Baldini ART gallery
MUSSA ANDREJ | Studio Baldini, Art Gallery

La Trilogia del cervello – Corpo elettronico:
2008, Como Ex Chiesa San Francesco – Spazio Culturale Antonio Ratti.
2012, Catanzaro Complesso Monumentale del San Giovanni.
Un percorso fluido per un viaggio attraverso sensazioni visive e percettive curate da Andrea La Porta e Gianluca Marziani.
cataloghi Silvana editoriale – Prearo editore. Testi: Cecilia Antolini, Santa Nastro, Fabiola Naldi, Alessandro Trabucco, Gian Paolo Serino, Sergio Gaddi, Rocco Guglielmo, Valentina Valentini, Gianluca Marziani, Andrea La Porta, Bruno Di Marino, Dacia Palmerino, Sandra Lischi.
Mia una videoinstallazione: SACRALITÀ QUOTIDIANA. Visioni di sequenze quotidiane dove il sacro è rappresentato attraverso le nostre cose e rumori domestici…

SPRING: Food & Sound residency
25 aprile – 2 maggio 2016

Villa Tereze, Montaiate, Pergola PU, Marche

Descrive così House: Spring & Food residence Andrej Mussa ricercatore enogastronomico, storyteller della residenza.
“Artisti internazionali, ricercatori gastronomici insieme a ricercatori di erbe antiche e aromatiche, maestri di cucina, contadini, produttori, musicisti, giornalisti, blogger e pescatori interagiranno insieme, pescando emozioni e racconti…”

EXPO MILANO 2015, PADIGLIONE ITALIA
L’evoluzione BIO-Logica dell’ARTE, esposizione collettiva d’arte contemporanea.
“Pastina Glutinata BUITONI, la pastina che ha fortificato 5 generazioni di bimbi…”

Verso la fine del XIX secolo la produzione della ditta Buitoni aveva subito nuovi impulsi con la creazione di una più vasta gamma di formati di pasta comune e all’uovo, ma soprattutto con la creazione della pastina glutinata.
L’azienda cercava un prodotto innovativo che fosse in grado di guadagnarsi una nicchia di mercato importante, quella degli alimenti per diete particolari. Poco meno di quarant’anni dopo, la «pastina glutinata» entrava nelle case degli italiani come «il miglior alimento per bambini, ammalati e convalescenti, prodotto di regime per obesi, gottosi, uricemici e diabetici». Si trattava semplicemente di pasta alla quale era stato aggiunto il 15% in peso di glutine secco.

«Il latte materno non basta più, ora ci vuole la pastina glutinata!» –, studenti – «Il profitto a scuola dipende dalla buona salute. La buona salute si difende con la pastina glutinata» –, lavoratori e anziani – «Pasto serale leggero e al mattino freschi e riposati».

Pensiamo a come il marketing continui a cambiare rotta, inseguendo sempre le nuove possibilità di profitto che si profilano all’orizzonte. Sugli scaffali dei nostri supermercati nessuna azienda alimentare oserebbe oggi mettere in orgogliosa evidenza il contenuto di glutine.
La sensibilità al glutine: forse esiste, ma forse no… ?

Progetto INSTALLATIVO e perFORMATIVO collage,
©Andrej Mussa, 2015

Video_istantanee, e carte collage.
Cucine confidenziali… e la carta da parati

“Mi pare ancora di sentire il risucchio di quei tocchi raffermi di pane, inzuppati nel latte e messi disordinatamente in bocca…”
Una sottile linea poetica tra la memoria e il cibo. Dagli affetti quotidiani, tra gli oggetti e il cibo dimenticati del tono della memoria. Ogni cosa, ogni ambiente domestico, ogni gesto sono ritrovati nella durata del sentimento.

Artist Editor/Curator presso lobodilattice.com,
Invento la prima rubrica di: “Confidenze VideoSelfie con l’artista contemporaneo”

Presenterò l’artista attraverso degli audio|video, lontano dalla sua opera artistica, immerso nella sua quotidianità attraverso il suo vedere e il suo respirare.

Una serie di domande volte a conoscere i gusti e le aspirazioni personali di chi vi risponde. Un questionario proustiano da me reinterpretato. Malgrado la denominazione possa indurre a pensare che sia stato creato da Marcel Proust, il grande scrittore francese si limitò a fornire le proprie risposte. Non si tratta di un test psicologico, poiché non è corredato di interpretazioni di alcun genere; ha il solo scopo di conoscere meglio se stessi e gli altri.

Il mio sarà un viaggio nella quotidianità di un artista.
Lo incontrerò nella sua stanza, nel suo studio, nella sua cucina. Lo seguirò per le strade di città, indaffarato nelle sue commissioni e mansioni domestiche…

tubetto

Francesca Manetta

Chiara Sorgato

Isabella Nazzarri

Giulio Zanet

Enrica Berselli

Matteo Galvano

Angela Viola

Milano Studi Festival

Parma 360